Che rischi corriamo quando investiamo?

Esistono investimenti meno rischiosi e investimenti più rischiosi.

PIU’ ALTO E’ IL RISCHIO PIU’ ALTO E’ IL GUADAGNO POSSIBILE.

Attenzione!
Possibile non vuol dire certo.

Il comportamento di un investitore è generalmente caratterizzato da vari fattori:

la propensione al rischio
gli obiettivi di investimento
l’orizzonte temporale dell’investimento
il livello di consapevolezza finanziaria.

Più siamo consapevoli dei nostri investimenti, più siamo in grado di gestirli e di affrontare determinate perdite.

Un buon investitore conosce molto bene gli strumenti finanziari che il mercato offre per far fruttare i risparmi.

Le decisioni sulle modalità di investimento sono determinate da:

l’orizzonte temporale dell’investimento, ossia la durata che abbiamo deciso di dare al nostro investimento;

la propensione al rischio, cioè la “disponibilità” di subire possibili perdite a fronte di possibili maggiori guadagni;

le aspettative di rendimento, il guadagno che vorremmo ottenere dal nostro rendimento.

A parità di altre condizioni, se l’orizzonte temporale in cui vogliamo investire del denaro è ridotto, è più opportuno fare investimenti a basso rischio, perché avremo meno tempo per recuperare eventuali perdite.

Se, al contrario, l’orizzonte temporale è ampio, possiamo darci la possibilità di investire una parte del nostro denaro con un grado di rischio più alto, perché avremo maggior tempo per tamponare eventuali perdite.

Esiste un certo grado di propensione al rischio in ogni soggetto che intende investire su uno o più prodotti finanziari; questo grado è assolutamente personale, ma viene determinato anche da fattori esterni, quali ad esempio la situazione finanziaria, economica e sociale.

Altro fattore fondamentale da tenere in considerazione nella scelta dei nostri investimenti è la DIVERSIFICAZIONE.

Più diversifichiamo le tipologie di investimenti effettuati, più il rischio di perdita diminuisce.

Ad esempio: se investiamo tutti i nostri soldi in una sola società e questa fallisce, realizziamo una perdita.

Se differenziamo i nostri investimenti in dieci società diverse, la possibilità di perdita diminuisce, perché è molto difficile che perdano contemporaneamente tutte le aziende scelte. In questo modo potremo recuperare le perdite di un investimento con i guadagni di un altro investimento.

Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018