Domande per investire

Prima di investire poniamoci alcune domande

Quale è la nostra situazione finanziaria?
Raccogliamo tutte le informazioni necessarie per capire quanto possiamo riuscire a risparmiare ogni mese. Facciamo un bilancio fra entrate (fonti di reddito, beni posseduti, ecc…) e uscite (mutui, prestiti, ecc…).

Come vogliamo impiegare il nostro risparmio?
Siamo sicuri che un investimento finanziario, con tutti i rischi connessi, faccia al caso nostro?

Qual è l’obiettivo del nostro investimento?
Per quanto tempo siamo disposti a vincolare parte dei nostri risparmi?
Breve, medio o lungo periodo?

Abbiamo sufficiente conoscenza degli strumenti finanziari e del loro funzionamento?
Così come per l’acquisto di un’auto o di una casa, è importante conoscere le caratteristiche degli strumenti finanziari e gli elementi che ne influenzano l’andamento.

Che ritorno vogliamo avere dal nostro investimento?
Puntiamo ad una crescita moderata del capitale, che garantisca cedole periodiche? O preferiamo rendimenti più alti a fronte di rischi più alti?

Quanto vogliamo destinare all’investimento?
Investire soldi vuol dire impegnarli nel tempo.
Valutiamo bene quale potrebbe essere l’impatto dei nostri investimenti sul nostro tenore di vita e sul bilancio familiare, prima di fare delle scelte.

Qual è la perdita massima che siamo disposti a sopportare?
Questa è forse la domanda più importante.
Il rischio rappresenta una componente imprescindibile dell’investimento.

Riteniamo di avere bisogno di aiuto?
Quando ci viene proposto un investimento ci è tutto chiaro?
Se così non è, prendiamo tutto il tempo necessario per fare i dovuti accertamenti (utilizzando fonti serie) e prendiamo una decisione solo nel momento in cui SIAMO CERTI DI QUELLO CHE FACCIAMO.
Chiediamo consiglio se ne abbiamo bisogno.

Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018