Cosa compriamo quando investiamo?

Quando investiamo possiamo comprare:

TITOLI DI DEBITO, attraverso i quali si prestano i nostri soldi a qualcun altro, chiamato EMITTENTE.

Tipici esempi di titoli di debito sono le obbligazioni e i titoli di Stato.

TITOLI DI CAPITALE con cui si diviene soci della società emittente, partecipando per intero al rischio economico della medesima.
Esempio tipico di titoli di capitale sono le azioni.

Per stabilire il valore dell’investimento in un titolo è necessario tenere in considerazione alcuni importanti fattori:

– il suo prezzo (o quotazione): a parità di altri fattori (ad esempio, tassi d’interesse e inflazione), se acquistiamo un titolo a un dato prezzo e lo rivendiamo a un prezzo inferiore realizziamo una perdita sull’investimento;

– il tasso applicato ai pagamenti di interessi periodici: a parità di altri fattori (ad esempio il rischio di credito dell’emittente, prezzi di acquisto e di vendita e inflazione) più è elevato questo tasso rispetto ai tassi di mercato, più alto sarà il guadagno dell’investimento;

– l’inflazione, poiché può comportare una perdita del valore del nostro investimento in quanto “erode” sia il guadagno ottenuto dalla differenza tra prezzo di vendita e di acquisto, che quello ottenuto dal pagamento degli interessi periodici;

– la sua liquidità, ovvero la sua capacità di essere scambiato con facilità (acquistato e venduto) sul mercato.

Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018