Chiedere un piccolo prestito

L’accesso a un piccolo prestito è consentito a tutte le categorie di lavoratori (dipendenti o autonomi) e pensionati.

Per ottenere un piccolo prestito ci si può rivolgere a:

– banche
– finanziarie
– altri istituti autorizzati (es. INPS)

Il prestito è un impegno finanziario che dura nel tempo.

Anche per i piccoli prestiti, per individuare quello più conveniente tra quelli che vengono offerti, occorre confrontarli guardandone il TASSO ANNUALE EFFETTIVO GLOBALE (TAEG).

I cosiddetti “piccoli prestiti” sono di un importo tra i 500 euro e 10 mila euro e vengono accordati in tempi piuttosto brevi. Il cliente non ha vincoli sull’utilizzo del prestito, ma solo l’obbligo di restituirlo secondo gli accordi con la banca.

ATTENZIONE, anche se il prestito che viene concesso è di importo contenuto, occorre assicurarsi di essere in grado di rimborsarlo.

Al momento della richiesta del prestito occorre fornire (almeno) i seguenti documenti:

– documento d’identità valido
– codice fiscale
– copia dell’ultima busta paga, cedolino della pensione o ultima dichiarazione dei redditi.

Ultimo aggiornamento: dicembre 2019