Carte di pagamento, quali vantaggi?

Le carte di pagamento sono tessere plastificate emesse da banche o da altri intermediari autorizzati che permettono al possessore di usufruire di diversi servizi finanziari.

Cosa è possibile fare con le carte di pagamento?

  • Consentono di prelevare contanti da sportelli automatici (ATM)
  • Consentono di pagare presso i punti vendita tramite POS (terminale di pagamento)
  • Effettuare operazioni bancarie tramite sportello ATM

Quali sono i vantaggi che le carte di pagamento offrono?

Per il titolare della carta:

  1. Facilità di incassi e pagamenti presso gli esercenti che sono convenzionati con la carta
  2. Monitoraggio in tempo reale delle spese effettuate
  3. Riduzione dei rischi connessi all’uso del contante (furti a persone e/o negozi commerciali)

Per il commerciante:

  1. Facilità di incassi connessi alla sua attività commerciale
  2. Riduzione dei rischi connessi all’uso del contante (furti)

Per il sistema bancario:

  1. Riduzione dei costi connessi alla gestione del contante (stampa delle banconote, servizi di trasporto e di vigilanza)

Dove posso utilizzare le carte di pagamento?

Presso gli ATM e i POS che accettano il circuito della carta in Italia, e/o all’estero.

Quali sono i canali di contatto nell’utilizzo della carta?

  1. Lo sportello bancario o postale
  2. L’ATM (sportello automatico)
  3. Il POS, dispositivo elettronico presente nei punti vendita
  4. Remote Banking (computer, smartphone etc.)

Come possono essere distinte le carte sulla base della tecnologia e della sua rischiosità?

  • Carte di pagamento a banda magnetica: sono tessere che presentano sul retro una banda magnetica (molto simile al nastro di una cassetta audio) dove vengono memorizzati i dati. Sono delle carte facilmente clonabili e soggette ad usura, graffi e smagnetizzazione.
  • Carte di pagamento con microchip: sono tessere che presentano un chip sulla facciata. Il microchip è difficilmente danneggiabile rendendo quindi la carta più sicura. Tali carte generalmente presentano anche una banda magnetica sul retro.
  • Carte di pagamento con contactless (senza contatto): permettono di non inserire il PIN per spese fino a 25 euro semplicemente avvicinando la carta ad un terminale di pagamento che presenta il simbolo. Tale caratteristica può rappresentare un rischio in quanto chiunque in possesso della carta può effettuare pagamenti fino a 25 euro senza conoscere il PIN.

Come possono essere distinte le carte di pagamento a seconda del momento dell’addebito?

  • Carta prepagata: deve essere preventivamente caricata, le somme spese e/o prelevate diminuiscono l’importo disponibile sulla carta.
  • Carta di credito: le somme spese e/o prelevate vengono sottratte alle somme disponibili sul conto corrente, in genere, il mese successivo
  • Carta di debito: le somme spese e/o prelevate vengono immediatamente sottratte alle somme disponibili sul conto corrente

Ultimo aggiornamento: dicembre 2019