Come fare per accendere un mutuo?

Istruttoria

L’istruttoria rappresenta l’iter di valutazione del finanziamento durante la quale l’intermediario verifica:

  • il reddito, il patrimonio e le garanzie offerte dal cliente per valutare la sua capacità di rimborso nel tempo;
  • le informazioni sulla storia creditizia del debitore;
  • la valutazione dell’immobile.

I documenti richiesti

– Informazioni anagrafiche e sullo stato di famiglia/civile.
– In generale le Informazioni che certificano la capacità di reddito:

• Per i lavoratori dipendenti servono la dichiarazione del datore di lavoro che attesta l’anzianità di servizio, l’ultima busta paga e la copia del CUD;
• Per i lavoratori autonomi o i liberi professionisti servono le ultime dichiarazioni dei redditi, la certificazione della Camera di Commercio Industria e Artigianato, l’attestato di iscrizione all’albo (se professionisti).
– Informazioni relative all’immobile – la planimetria, il certificato di abitabilità, l’ultimo atto di acquisto o la dichiarazione di successione.

Le spese di istruttoria sono a carico del richiedente.
Se l’istruttoria termina con esito positivo, l’intermediario può procedere con la delibera definitiva del finanziamento.

Le garanzie

La prima garanzia che l’intermediario finanziario richiede è l’ipoteca, che gli dà il diritto di far vendere l’immobile se il cliente non riesce a restituire il finanziamento.

L’ipoteca, oltre a coprire il capitale erogato, comprende:

  • gli interessi concordati e gli eventuali interessi di mora;
  • i premi assicurativi;
  • le spese giudiziali eventualmente sostenute in caso di recupero.

L’ipoteca è legata allo specifico immobile che viene ipotecato. La costituzione dell’ipoteca avviene con la sua iscrizione nei Registri Immobiliari ed è un atto che prevede di norma l’intervento di un Notaio.

In base al valutazione sul merito creditizio del debitore e all’ammontare dell’importo richiesto, l’intermediario potrebbe richiedere garanzie aggiuntive oltre l’ipoteca.

Tra le garanzie più diffuse c’è la fideiussione, rilasciata da un soggetto diverso dal cliente che richiede il mutuo. Con la fideiussione il garante risponde della restituzione dell’intero finanziamento con tutti i suoi beni.

Una volta deliberato, i tempi di erogazione del mutuo oscillano, di solito, dai 30 ai 60 giorni.

Ultimo aggiornamento: dicembre 2019