Accendere un mutuo con un contratto di lavoro “atipico”

Oggi, per talune categorie di soggetti, è possibile richiedere un mutuo anche se si hanno contratti di lavoro atipici, come i contratti a progetto, a tempo determinato, contratti a chiamata.

Le giovani coppie che presentino determinati requisiti, ma anche le famiglie numerose, i genitori single con figli minorenni e giovani con contratti di lavoro atipico possono accedere infatti al cosiddetto Fondo di Garanzia per i Mutui Prima Casa. Lo scopo del Fondo è quello di concedere garanzie fino al 50% dell’ammontare del mutuo ipotecario (a condizione che non superi 250.000 euro) per l’acquisto o la ristrutturazione di immobili non di lusso che diventeranno la prima casa del debitore.

Il richiedente non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo.

Link Ministero Tesoro

Il Fondo è rivolto a tutti, ma consente delle agevolazioni alle seguenti categorie:

Giovani coppie (dove almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni);

Nuclei familiari monogenitoriali con figli minori;

Giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico;

Conduttori di alloggi di proprietà dell’Istituto Autonomo per le Case Popolari

La domanda va presentata direttamente all’intermediario finanziario aderente all’iniziativa tramite apposito modulo.

Ultimo aggiornamento: dicembre 2019